La purezza

L’analista gemmologo esamina il diamante con una lenta d’ingrandimento.
La lente d’ingrandimento, più tecnicamente chiamata lentino, ingrandisce dieci volte ed è costruita in modo particolare; tanto per intenderci non ha nulla a che fare con le tipiche lenti contafili usate per i francobolli.
Attraverso l’esame con la lente l’analista gemmologo verifica che la luce passi nel diamante senza subire interruzioni.
Può accadere, infatti, che la struttura atomica del diamante presenti dei difetti oppure che inglobi altri minerali (fenomeno questo, però piuttosto raro).
In questi casi l’esame alla lente 10X rivela dei puntini o delle linee più o meno spesse che l’analista gemmologo avrà cura di riportare su di un grafico che rappresenta in modo bidimensionale il diamante esaminato.
Queste caratteristiche interne alla pietra sono state denominate inclusioni dalla scienza gemmologica.
Oltre alle caratteristiche interne il diamante può presentare caratteristiche esterne.
Un tipico esempio di caratteristica esterna è il graffio; un’altra importante caratteristica esterna di genesi geologica è il natural; altre ancora dipendono dalle fasi di lavorazione (scheggiature, faccette supplementari).
Le caratteristiche esterne (segnate in verde sul grafico) sono molto meno importanti delle caratteristiche interne (segnate in rosso sul grafico) ai fini della classificazione della purezza.
La scala della classificazione della purezza è composta da sigle che raggruppano le iniziali di parole inglesi.

Il primo grado della scala di purezza è:

IF: internally (internamente) flawless (senza segni).

IF - Diamante senza difetti a 10 ingrandimenti

Il secondo grado è:

VVSIVVSI: very (molto) very (molto) small (piccole) inclusions (inclusioni) oppure very (molto) very (molto) slightly (leggermente) imperfected (imperfetto).

Questo grado VVSI è suddiviso nei sottogradi 1 e 2 cioè VVSI1 e VVSI2.

Diamante purezza VVS: inclusioni piccolissime

Il terzo grado è:

VSI: very (molto) small (piccole) inclusions (inclusioni) oppure  very (molto) slightly (leggermente) imperfected (imperfetto).

Anche qui ci sono i sottogradi 1 e 2 ovvero VSI1 e VSI2.

Diamante purezza VS1: inclusioni molto piccole

 Il quarto grado è:

SISI: small (piccole) inclusions (inclusioni) oppure  slightly (leggermente) imperfected (imperfetto).

Come prima ci sono i sottogradi 1 e 2 e quindi SI1 e SI2.

Diamante purezza SI: piccole inclusioni

Infine gli ultimi gradi sono:

I 1: I 1: imperfected (imperfetto) 1,

I 2I 2: imperfected (imperfetto) 2,

I 3: I 3: imperfected (imperfetto). 3.

Questi gradi sono noti anche con il termine francese piqué (1,2,3) che sta in italiano per colpito, segnato.

 

info@intergemsanddiamonds.com